Profile Jiu Jitsu Work Articles Contact
 

Intervista su www.mma-mania.it - novembre 2009

Abbiamo incontrato una delle figure più illustri del panorama italiano del Brazilian Jiu Jitsu e ne abbiamo approfittato per fargli alcune domande.
Di seguito ecco cosa è uscito dall'intervista.
Buona lettura

Grazie maestro Tisi per averci concesso questa intervista esclusiva. Ci fa piacere averti tra le nostre pagine web
Grazie a voi per il vostro interessamento e per il lavoro che state facendo

Molti associano il tuo nome all'evoluzione del BJJ in Italia. Puoi spiegare esattamente, ai pochi che non lo conoscono, qual'è stato il tuo percorso marziale?
Sono un appassionato di arti marziali da piu di 25 anni. Ho portato avanti il mio percorso di ricerca marziale fino all'incontro con il Jiu Jitsu brasiliano avvenuto nella metà degli anni ‘90, e da allora mi dedico allo studio, alla pratica e alla divulgazione di questo sistema a livello professionistico.

E' risaputo che per molti anni il tuo nome è stato legato a quello del maestro Gianfranco Delli Paoli. Quando e come vi siete conosciuti? Per quanto tempo è andato avanti il vostro rapporto? e soprattutto: come mai si è sciolto?
Io e Gianfranco abbiamo iniziato ad interessarci al Jiu Jitsu nello stesso periodo, sebbene in ambiti diversi, per poi conoscerci anche grazie al comune amico ed insegnante Roberto Almeida. Gianfranco si è allenato poi nella mia accademia nel periodo in cui era cintura viola e marrone, per poi proseguire il suo percorso altrove. Il nostro rapporto è di reciproca cordialità.

Come vedi il progresso del BJJ in Italia? e il livello degli atleti?
Il Jiu Jitsu in Italia si sta evolvendo in modo rapido, e sta velocemente creando giovani atleti in grado di farsi notare anche a livello internazionale, dopo un periodo relativamente lungo nel quale i nomi ricorrenti erano quelli dei "soliti vecchietti", incluso il mio. Le nuove generazioni si stanno facendo strada alla grande e la cosa non può che farmi piacere.

E' noto che hai anche avuto degli stretti legami con il più famoso atleta italiano di MMA: Alessio Sakara. Mantieni ancora rapporti con lui? Se si, di che tipo?
Io e Alessio non abbiamo più rapporti di alcun tipo da circa 3 anni.

Segui le più importanti competizioni internazionali di MMA come l'UFC, la Strikeforce, il Dream, ecc.? Se si, cosa ne pensi?
Si di tanto in tanto mi piace seguire alcuni match di atleti che apprezzo o che magari conosco personalmente, magari a casa con gli amici durante il weekend. Penso che le MMA moderne siano un grande business di intrattenimento sportivo, oggi provviste di atleti professionisti di livello assoluto. Non ho un evento preferito, generalmente vedo gli incontri degli atleti che preferisco.

Immagino tu abbia sentito parlare di quello che molti ritengono il più forte atleta di MMA di tutti i tempi: Fedor Emelianenko. Attualmente imbattuto, ha un background di judo e sambo ed ha e sta ottenendo ottimi risultati in queste discipline anche in palcoscenici internazionali. Credi che siano soprattutto questi suoi trascorsi importanti a fare la differenza? Come giudichi il suo stile, soprattutto al suolo?
Fedor è il migliore combattente di MMA pound for pound oggi in circolazione. Il suo stile sia in piedi che a terra è improntato a tecniche basiche, ma molto ben eseguite e collaudate in anni di match non solo di MMA ma anche di Combat Sambo che offre un'anticamera alle MMA professionistiche sicuramente molto valida. Il suo fattore mentale inoltre è sicuramente una spanna al di sopra degli altri, e questo è fondamentale.

Hai un'atleta di MMA nel panorama internazionale che segui e che ti piace particolarmente per il suo stile?
Ne ho vari. In primis Vitor Shaolin, Demian Maia, Ronaldo Jacarè, i fratelli Nogueira, e generalmente tutti quelli che conosco e che possiedono una forte base nel Jiu Jitsu. Mi piacciono molto anche George St. Pierre e Lyoto Machida, sia per tecnica che per portamento.

Sappiamo che partecipi anche a gare nazionali di grappling con ottimi risultati.
Hai in vista altri impegni come atleta?
In realtà l'unica gara senza kimono che ho sostenuto di recente in Italia è stato il Campionato Italiano di Grappling Fila del luglio 2008. Per il resto sono ormai anni che preferisco le gare di Jiu Jitsu vero e proprio con il kimono. Essendo un insegnante e non un'atleta professionista, ed avendo superato i 35 anni, la mia attività è principalmente quella divulgativa. Tuttavia se gli impegni mi permetteranno di prepararmi in modo idoneo, mi piacerebbe competere per la quarta volta al Campionato Europeo ed al Campionato Mondiale Master a Luglio 2010.

Puoi fornire qualche informazione ai ragazzi che fossero intenzionati a seguire i tuoi corsi?
Attualmente insegno durante la settimana a Roma presso la sede centrale Tribe Jiu Jitsu, che ho fondato ormai 10 anni fa. Chi volesse saperne di più può controllare il sito www.tribejiujitsu.com.
A livello nazionale invece tengo seminari introduttivi, workshop tecnici e corsi di formazione attraverso il mio network di accademie sparse in tutta Italia. Per saperne di più basta controllare il mio sito personale www.federicotisi.com

Ti ringraziamo per la disponibilità. Ci auguriamo di poter avere altre occasioni di averti sulle nostre pagine dove ovviamente sei il benvenuto.
Grazie a voi per il vostro interessamento e in bocca al lupo per tutte le vostre attività.

Un inchino marziale da tutti gli utenti di MMA Mania.it
L'inchino è reciproco.


Fabrizio Forconi
27 novembre 2009

 
  Profile - Jiu Jitsu - Work - Articles - Contact Credits - Cookie policy